Tutte le grandi religioni sono esposte al rischio di interpretazioni distorte che avvallano l’uso della violenza; così come al rischio di essere strumentalizzate per supportare ideologie politiche violente che arrivano a giustificare guerre tra popoli e paesi.

Eppure, quando la fede, qualsiasi fede, riscopre la propria radice profonda e viene vissuta in maniera autentica, questa e’ capace di spalancare a cammini umanizzanti in grado di liberare dalla violenza e di trasformare in positivo le relazioni, la società, la politica. Papa Francesco e il Grande Imam di Al Azhar, come rappresentati di Cristianesimo ed Islam, nel «Documento sulla fratellanza umana, per la pace mondiale e la convivenza comune» sono arrivati a scrivere insieme: «La fede porta il credente a vedere nell’altro un fratello da sostenere e da amare. Dalla fede in Dio, che ha creato l’universo, le creature e tutti gli esseri umani – uguali per la Sua Misericordia –, il credente è chiamato a esprimere questa fratellanza umana, salvaguardando il creato e tutto l’universo e sostenendo ogni persona, specialmente le più bisognose e povere».

In questo tempo di guerra, il Decanato e il Centro Islamico di Sesto San Giovanni tornano ad incontrarsi per dialogare insieme e con la citta’ su questo tema cosi’ decisivo per la costruzione della pace: il rapporto tra religione e violenza.

 Invitiamo tutti i cittadini a partecipare a questo appuntamento! L’invito e’ rivolto in particolare a tutti i rappresentati delle religioni e a tutti coloro che nelle istituzioni, nelle scuole, nelle formazioni politiche, nella società civile, nelle associazioni e nelle parrocchie hanno ruoli educativi e di responsabilità nella vita della nostra città.

Oggi, 4 Febbraio 2022 si celebra la II giornata internazionale della Fratellanza Umana; la giornata fa memoria della presentazione del "Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, sottoscritto da Papa Francesco e dal Grande Imam Ahmed Al-Tayyeb il 4 Febbraio 2019.

Il Documento è stato sottoscritto pubblicamente il 10 Aprile 2019 anche dai rappresentanti del Decanato e del Centro Islamico di Sesto San Giovanni, insieme a numerosi cittadini.  Con questo gesto, le due comunità hanno inteso impegnarsi reciprocamente e verso la città tutta sui contenuti e lo spirito del Documento con l’auspicio che, anche a Sesto San Giovanni, esso “sia un invito alla riconciliazione e alla fratellanza tra tutti i credenti, anzi tra i credenti e i non credenti, e tra tutte le persone di buona volontà; sia un appello a ogni coscienza viva che ripudia la violenza aberrante e l’estremismo cieco; appello a chi ama i valori di tolleranza e di fratellanza, promossi e incoraggiati dalle religioni; sia una testimonianza della grandezza della fede in Dio che unisce i cuori divisi ed eleva l’animo umano; sia un simbolo dell’abbraccio tra Oriente e Occidente, tra Nord e Sud e tra tutti coloro che credono che Dio ci abbia creati per conoscerci, per cooperare tra di noi e per vivere come fratelli che si amano. Questo è ciò che speriamo e cerchiamo di realizzare, al fine di raggiungere una pace universale di cui godano tutti gli uomini in questa vita”.

Un autentico manifesto per il futuro!

Di seguito potete ascoltare  e leggere il messaggio inviato da  Papa Francesco per questa giornata

Leggi il messaggio del Papa

Dopo oltre 1700 repliche in 11 diversi Paesi del mondo, il prossimo Venerdì 12 Novembre alle ore 21.00 arriverà anche a Sesto San Giovanni presso il Teatro Vittoria il monologo teatrale con accompagnamento musicale tratto dal libro Pierre e Mohamed. Algeria, due martiri dell’amicizia di Adrien Candiard.

Uno spettacolo ispirato alla storia vera di Pierre Claverie - il vescovo di Orano beatificato da papa Francesco - e dell’amico musulmano Mohamed Bouchikhi, assassinati insieme in Algeria il 1° agosto 1996 dallo stesso terrorismo che colpì anche i monaci di Tibhirine. Il monologo alterna le voci dei due protagonisti. L’uno spiega il perché del legame di amicizia con l’altro. La particolarità del testo consiste nel fatto che le parole di monsignor Claverie sono autentiche, perché tratte dai suoi numerosi scritti, mentre quelle di Mohamed sono frutto della libera interpretazione letteraria di Candiard. Dal debutto nel 2011 al Festival di Avignone il monologo ha letteralmente girato il mondo: oltre che in Francia, è stato rappresentato in Algeria, Egitto, Israele, Turchia e Territori palestinesi. È stato messo in scena nelle più diverse situazioni: festival teatrali, moschee, ospedali, carceri, scuole, cattedrali…

Con la regia e le musiche di Francesco Agnello e l'interpretazione di Lorenzo Bassotto, Pierre e Mohamed è realizzato in collaborazione con AIRCAC. Dopo l'anteprima nazionale al Meeting di Rimini, lo spettacolo è in programma in tutta Italia a partire da settembre 2019.

Uno spettacolo teatrale per raccontare il dialogo possibile!

Lo spettacolo apre il percorso 2021-2022 di conoscenza e dialogo che il Decanato e il Centro Islamico di Sesto San Giovanni offrono annualmente alla città ed è co-promosso da entrambe le comunità. Crediamo che questo appuntamento abbia un rilievo molto significativo per la nostra città, per cui invitiamo calorosamente tutta la cittadinanza a partecipare.

Lo spettacolo è stato presentato anche a Milano il Settembre 2019 alla presenza del Vescovo Delpini. Di seguito il suo commento

Il volantino dell'iniziativa

Comunicato Stampa

3 Novembre 2020

È un momento di grandissimo dolore!

La violenza terroristica che sta macchiando l’Europa in queste ultime settimane, culminata nelle stragi avvenute la scorsa settimana a Nizza all’interno di una Chiesa Cattolica e ieri per le strade del centro di Vienna, ci riempie di sgomento e di preoccupazione.

Ci stringiamo innanzitutto alla sofferenza delle famiglie delle numerose vittime, assicurando loro la nostra incessante preghiera.

Proprio pensando a loro e al futuro di tutta la società europea che sarà sempre più un “meticciato” di popoli e culture, sentiamo di dover ribadire insieme l’importanza di costruire e praticare percorsi autentici di incontro, di conoscenza, di dialogo, di integrazione, di cittadinanza e infine di inclusione; convinti che questi siano i principali antidoti capaci di contrastare il rischio di radicalizzazioni estremiste e in grado di generare legami comunitari e quindi una vera sicurezza sociale.

Consapevoli di questo, le nostre comunità in Sesto San Giovanni hanno camminato insieme negli ultimi anni, fino ad approdare, il 10 Aprile 2019, a controfirmare, come manifesto di impegno reciproco e verso la Città, il “Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune”, scritto da Papa Francesco e dal Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb.

Di fronte a Dio e di fronte al sangue innocente versato, facciamo allora ancora una volta nostre le parole di quel Documento:

“Dichiariamo – fermamente – che le religioni non incitano mai alla guerra e non sollecitano sentimenti di odio, ostilità, estremismo, né invitano alla violenza o allo spargimento di sangue. Queste sciagure sono frutto della deviazione dagli insegnamenti religiosi, dell’uso politico delle religioni e anche delle interpretazioni di gruppi di uomini di religione che hanno abusato – in alcune fasi della storia – dell’influenza del sentimento religioso sui cuori degli uomini per portali a compiere ciò che non ha nulla a che vedere con la verità della religione, per realizzare fini politici e economici mondani e miopi. Per questo noi chiediamo a tutti di cessare di strumentalizzare le religioni per incitare all’odio, alla violenza, all’estremismo e al fanatismo cieco e di smettere di usare il nome di Dio per giustificare atti di omicidio, di esilio, di terrorismo e di oppressione. Lo chiediamo per la nostra fede comune in Dio, che non ha creato gli uomini per essere uccisi o per scontrarsi tra di loro e neppure per essere torturati o umiliati nella loro vita e nella loro esistenza. Infatti Dio, l’Onnipotente, non ha bisogno di essere difeso da nessuno e non vuole che il Suo nome venga usato per terrorizzare la gente”

“La fede porta il credente a vedere nell’altro un fratello da sostenere e da amare. Dalla fede in Dio, che ha creato l’universo, le creature e tutti gli esseri umani – uguali per la Sua Misericordia –, il credente è chiamato a esprimere questa fratellanza umana, salvaguardando il creato e tutto l’universo e sostenendo ogni persona, specialmente le più bisognose e povere”.

Con questo slancio proseguiamo nel nostro cammino, portando nel cuore le vittime e rimettendoci al servizio della Città, particolarmente in questo tempo di pandemia!

 

I Sacerdoti, le Religiose e i membri Laici del Consiglio Pastorale Decanale di Sesto San Giovanni

L’Imam e il Presidente del Centro Culturale Islamico di Sesto San Giovanni

 

Con l’adesione di don Giampiero Alberti per il CADR - Centro Ambrosiano di Dialogo con le Religioni

About Us

Decanato Sesto San Giovanni Decano don Leone Nuzzolese Riproduzione solo con permesso. Tutti i diritti sono riservati
Via XX Settembre, 72 - 20099 – Sesto San Giovanni (Mi)
tel. 02.22472724 - fax 02.24410370
sangiuseppe.ssg@gmail.com

Who's Online

We have 14 guests and no members online